Il patto per il software libero

Caro candidato

Cari fratelli d’Italia/Europa, oggi si è votato e domani si voterà ancora, volevo soltanto parlare della campagna “Caro candidato” e del patto per il software libero.

Alcuni candidati aderiscono a questo patto e si impegnano quindi a rispettarlo. Fondamentalmente il patto consiste nel promuovere l’utilizzo di software libero e in generale di standard aperti, i punti chiave sono 3:

  • Incoraggiare con i mezzi istituzionali a mia disposizione le amministrazioni ed i servizi pubblici a sviluppare ed utilizzare prioritariamente Software Libero e standard aperti
  • Supportare politiche attive a favore del Software Libero, ed oppormi ad ogni discriminazione nei confronti di questo
  • Difendere i diritti degli autori e degli utenti di Software Libero, in particolare richiedendo la modifica di ogni norma che indebolisce tali diritti, ed opponendomi ad ogni iniziativa legislativa che avrebbe questo effetto.

Andando sul sito carocandidato.org potete vedere quali candidati hanno aderito all’iniziativa (ottima iniziativa), un must per tutti gli utenti GNU/Linux ed in generale degli amanti della libertà, anche digitale.

NOTA: E senza contare la quantità di denaro che la pubblica amministrazione può risparmiare utilizzando software libero e standard aperti!

{lang: 'it'}


Puoi seguire le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.
Puoi anche lasciare un commento, o creare un trackback dal tuo sito.

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo, di' la tua!


Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*