La prossima release “minore” di Firefox avrà i processi separati per i plugin

NOTA: Ti consiglio di andare qui prima di leggere l’articolo, in questo modo tutto ti sembrerà più convincente.

Ebbene si, come già anticipato a dicembre e addirittura senza troppi ritardi, il prossimo aggiornamento “minore” di Firefox ovvero la versione 3.6.4 non sarà poi così tanto minore.

OOP significa programmazione ad oggetti?

No, OOP sta per “Out of Process” e cioè che i plugin adesso staranno in un processo a parte e che quindi non causeranno tutti i problemi di stabilità che causano adesso. (E considerate che già adesso Firefox 3.6 è più stabile di Firefox 3.5 del ~30%!)

Firefox 3.6.4 e come gestisce i crash dei plugin

Ecco una immagine che mostra Adobe Flash fallire miseramente, ho l'impressione che vedrete spesso quest'immagine (perchè Flash fa...?)

In pratica Adobe Flash, che vi ricordo FA SCHIFO, darà meno problemi e se vuole morire lo farà da solo senza portare Firefox con se all’altro mondo. A proposito visto che flash fa schifo (l’ho già detto?) potreste prendere in considerazione l’idea di non installare flash ed utilizzare TinyOgg per guardare i video presenti su YouTube & company.

Ma gli aggiornamenti minori non dovrebbere solo risolvere problemi di stabilità/sicurezza?

Infatti questa è la prima volta che una versione minore di Firefox aggiunge nuove funzionalità, questo è stato fatto per evitare di dover aspettare Firefox 3.7/4.0 per rendere disponibili a tutti caratteristiche già abbastanza mature e collaudate.

In questo modo questa caratteristica sarà disponibile in Firefox 3.6.4 che dovrebbe essere rilasciato ad inizio maggio :).

Come funziona ‘sta cosa?

Bene al è molto semplice, innanzitutto dovrete aspettare il rilascio della versione 3.6.4 oppure installare la beta :P.

Fatto ciò “la cosa” funziona già senza dover toccare nulla per i plugin Flash, QuickTime, e Silverlight. State pensando al male? Chissà come mai!! Adobe, Apple, Microsoft…

Se invece volete che sia creato un processo separato anche per altri plugin dovrete modificare about:config (qui spiega come, io non l’ho provato).

Conclusioni

Usare un processo separato per i plugin è il primo passo per l’attuazione del progetto “Electrolysis per la creazione di un browser in cui interfaccia principale, tab, plugin, etc stiano in processi separati per offrire una maggiore stabilità evitando che un crash in uno di questi componenti faccia crashare l’intero Firefox. Inoltre su sistemi multicore/processore processi diversi potranno girare contemporaneamente (e non concorrentemente!) ottenendo così migliori performance.

Ancora più interessante questa nuova tipologia di rilasci che permetterà di aggiungere caratteristiche nuove a Firefox senza dover aspettare la nuova release maggiore (Firefox 3.7/4.0), in questo modo potremo avere un browser al passo coi tempi senza aspettare tempi biblici, una mossa molto furba da parte di Mozilla.

{lang: 'it'}


Puoi seguire le risposte a questo articolo tramite il feed RSS 2.0.
Puoi anche lasciare un commento, o creare un trackback dal tuo sito.

2 Risposte a “La prossima release “minore” di Firefox avrà i processi separati per i plugin”



Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*